Interventi parziali su impianti non a norma
Accade di frequente che all'installatore sia richiesto di eseguire un intervento parziale, e dunque limitato, su un impianto esistente non a norma, ad esempio di sostituire alcuni differenziali o installare un nuovo circuito. Si pone allora il problema di capire se in tali casi l'installatore possa eseguire l'intervento e quali siano le responsabilità cui va incontro. La risposta è nota: l'installatore può eseguire gli interventi parziali, senza avere alcun obbligo di mettere a norma l'intero impianto e/o rilasciare una DIRI per la parte dell'impianto sulla quale non interviene, purché: a) esegua a regola d'arte l'incarico, apportando all'impianto esistente le modifiche che eventualmente si rendano necessarie per raggiungere tale risultato; b) segnali al cliente le non conformità che ha rilevato sull'impianto e la cui messa in opera non rientra nell'incarico conferitogli. La segnalazione è necessaria per evitare che, in caso di successivi problemi dovuti alle preesistenti non conformità dell'impianto, l'installatore sia ritenuto corresponsabile di tali problemi, avendo tenuto un comportamento negligente per non avere informato il cliente di difetti rilevabili da un installatore abilitato. E bene che la segnalazione, sia inviata al cliente via pec (o con raccomandata con ricevuta di ritorno), oppure firmata dal cliente per ricevuta, in modo che l'installatore sia in grado di provare di averla consegnata. Se a seguito della segnalazione il cliente non conferisce l'incarico di mettere a norma l'impianto allo stesso installatore, non avendo quest'ultimo il potere di intervenire non potrà essergli addebitata alcuna responsabilità in relazione a tali non conformità. L'installatore avrà quindi esclusivamente la responsabilità di eseguire a regola d'arte il lavoro che gli è stato affidato; a quest'ultimo proposito è bene sottolineare che, a maggior ragione se si interviene su un impianto esistente non a norma, occorre che l'incarico sia scritto, in modo che non possano sorgere dubbi sui lavori effettivamente affidati all'installatore. Se infatti l'incarico è verbale e l'impianto crea dei problemi, ad esempio un infortunio, c'è il rischio che il cliente cerchi di scaricare le proprie responsabilità sull'installatore, sostenendo di avergli affidato il compito di mettere a posto l'intero impianto (e che dunque l'infortunio deriva da negligenza dell'installatore) e non soltanto un intervento parziale. Se l'installatore esegue un intervento limitato su un impianto esistente e poi quell'impianto determina un infortunio o un incendio, in prima battuta l'installatore verrà comunque coinvolto nelle indagini, finalizzate ad accertare le responsabilità: se sono rispettate le condizioni sopra indicate (incarico limitato realizzato a regola d'arte e segnalazione dei difetti dell'impianto che non rientrano nell'incarico ricevuto) l'installatore andrà appunto esente da responsabilità, ma comunque dopo avere subito uno stress non indifferente ed avere pagato spese legali, fino a quando la sua posizione non risulterà chiarita. La probabilità che un impianto crei problemi dipende ovviamente dalla condizione in cui si trova: peggiore la condizione, maggiore la probabilità che arrivino guai. Dunque, prima di accettare l'incarico di intervenire su un impianto esistente, è bene che l'installatore valuti se il gioco vale la candela: se il guadagno è modesto e l'impianto presenta evidenti carenze di sicurezza, meglio lasciare perdere.
FAC-SIMILE DI SEGNALAZIONE AL COMMITTENTE DI NON CONFORMITÀ DELL'IMPIANTO Premesso che: - in data gg-mm-aaaa  questa impresa installatrice ha ricevuto l'incarico di eseguire gli interventi sull'impianto elettrico indicati in allegato alla presente e accedendo all'impianto ha rilevato alcune non conformità presenti sull'impianto stesso; - non rientra tra gli obblighi (e dunque nella responsabilità) di questa impresa, porre rimedio alle suddette carenze di sicurezza dell'impianto visto che tale compito esula dall'incarico ricevuto ed inoltre le suddette carenze non impediscono di realizzare a regola d'arte tale incarico; al    fine    di    tenere    un    comportamento    improntato    alla    massima diligenza,   cosicché   nessun   addebito   possa   essere   mosso   a   questa impresa,    neppure    quello    di    non    avere    informato    il    cliente    di carenze dell'impianto rilevabili da un installatore abilitato, La    informiamo    che    l'impianto    presenta    le    seguenti    carenze    di sicurezza: ____________________________________________________ ____________________________________________________ Suggeriamo di porre rimedio ai difetti di sicurezza dell'impianto sopra indicati in tempi contenuti. Nel caso ritenga di affidarci gli interventi conseguenti, siamo disponibili a predisporre un apposito preventivo. Timbro e firma

CONTATTI

Studio 37 Per. Ind. Francesco Lorusso 72017 - Ostuni (BR) - Italia mobile: 338 9095849 sito ....: www.lostudio37.it e_mail: lostudio37@gmail.com P. IVA.:02349650743
Studio 37
Progetta il tuo impianto
1